COMUNE DI BERGAMO - BANDO ANGUISSOLA

Stampa

 

Il Comune di Bergamo e Intesa Sanpaolo, allo scopo di sostenere il territorio di Bergamo, hanno avviato il programma “Rinascimento Bergamo” per supportare le micro attività d’impresa, i piccolo esercizi commerciali e artigianali di Bergamo, le imprese del terzo settore e i professionisti autonomi o associati nella ripartenza e nel rinnovo delle attività.

Oltre ai Bandi Michelangelo e Raffaelo già attivi, il Comune di Bergamo ha provveduto all’apertura di due nuove opportunità:

-          Bando Spese Inderogabili Flash;

-          Bando Anguissola.

 

 

Bando Anguissola

 

Requisiti per la partecipazione

Possono partecipare esclusivamente i liberi professionisti, i lavoratori autonomi con partita IVA, gli studi professionali, gli studi associati, le società di professionisti, le società tra avvocati e le cooperative di servizio aventi sede nella città di Bergamo. Il bando è aperto anche a persone fisiche che intendono costituire una P.IVA ed avviare un’attività in forma singola o associata.

Per la partecipazione i soggetti proponenti devono soddisfare i seguenti requisiti:

-          avere sede legale o domicilio fiscale della propria attività nella città di Bergamo o, in alternativa, avere residenza nella città di Bergamo, nel caso di persone fisiche;

-          non essere iscritti al Registro Imprese;

-          non avere presentato istanza di partecipazione per i Bandi Michelangelo e/o Raffaello

-          per soggetti iscritti agli Ordini Professionali o iscritti ai Collegi Professionali: essere regolarmente iscritto all’albo o al collego professionale di appartenenza presso la città di Bergamo;

-          nel caso di persone fisiche che avviano una nuova attività, impegnarsi ad attivare una Partita IVA entro 1 mese dalla presentazione di domanda di partecipazione al presente bando e di mantenerla attiva e non iscritta ad una CCIAA fino al 31 dicembre 2021.

 

Spese ammissibili

Sono ammesse le spese effettivamente sostenute nel periodo compreso tra il 9 marzo 2020 e la data della rendicontazione finale delle attività, che in ogni caso non dovrà superare il 31 Dicembre 2021.

Le spese possono riguardare diversi ambiti:

A.      Adeguamento normativo legato alle prescrizioni e alle restrizioni COVID-19

a.       Adeguamento strutturale:

                                                               i.      modifica provvisoria e/o permanente dei layout a seconda degli spazi a disposizione (superficie interna ed esterna ai locali) attraverso ripartizioni, suddivisioni, etc.;

                                                             ii.      installazione di divisori e barriere preferibilmente in materiali eco-compatibili;

                                                           iii.      organizzazione e set-up degli spazi esterni.

b.       Gestione dell’utenza nel rispetto delle norme COVID:

                                                               i.      -acquisto di DPI (termo-scanner per clienti, mascherine, igienizzanti, guanti, camici e protezioni per operatori, macchine per sanificazione);

                                                             ii.      installazione di segnaletica e percorsi obbligatori;

                                                           iii.      sistemi di raccolta dati per ingressi nel rispetto delle normative sulla privacy;

                                                           iv.      introduzione di altri servizi specifici per il rispetto delle norme COVID.

B.      Organizzazione e servizi

a.       Asset organizzativi:

                                                               i.      Acquisto / acquisizione / servizi (attrezzatura, mezzi anche di trasporto eco-sostenibili);

                                                             ii.      Assunzione di personale / servizi e/o condivisione per la gestione delle attività;

                                                           iii.      Integrazione delle retribuzioni dei tirocinanti;

                                                           iv.      Investimenti per il set-up e l’organizzazione di nuove attività.

b.       Incremento del livello di digitalizzazione:

                                                               i.      Sviluppo e/o realizzazione di portali web e soluzioni digitali che facilitino l’accesso dell’utenza ai servizi;

                                                             ii.      Erogazione di servizi tramite piattaforme digitali (es. consulenza, assistenza online e formazione);

                                                           iii.      Sviluppo di strumenti digitali e di piattaforme per migliorare il lavoro e l’operatività professionale.

c.       Promozione e rilancio

d.       Creazione di nuove attività professionali individuali o associate

C.      Progetti di innovazione, anche sociale ed ecologica

a.       Creazioni di prodotti e/o servizi innovativi

b.       Realizzazione di iniziative finalizzate all’innovazione sociale:

                                                               i.      Sperimentazione e messa a punto di soluzioni, prodotti, modelli e/o servizi innovativi per il territorio ad alta ricaduta sociale: es. nuovi servizi per la Silver economy, soggetti fragili, economicamente svantaggiati, nuovi italiani;

                                                             ii.      Investimenti sui giovani che si avvicinano o all’inizio del percorso della professione;

                                                           iii.      Supporto ai processi di passaggio agli eredi professionali.

c.       Interventi legati all’economia circolare, l’utilizzo e/o la promozione di soluzione ecologiche ad alta sostenibilità ambientale:

                                                               i.      Logistica ottimizzata ed elettrica;

                                                             ii.      Diminuzione di consumi ed energie;

                                                           iii.      Sharing/condivisione di risorse, beni e servizi;

                                                           iv.      Adozione di sistemi di gestione ambientale.

D.      Interventi per la creazione di partenariati e per l’integrazione strategica tra professionisti

a.       Integrazione strategica tra professionisti

                                                               i.      Sviluppo di accordi per il co-working;

                                                             ii.      Costituzione e rafforzamento di studi professionali e associati;

                                                           iii.      Costituzione e rafforzamento di società tra professionisti eventualmente anche di discipline diverse e complementari.

b.       Azioni e investimenti per la riorganizzazione del business

                                                               i.      Registrazione, costituzione, definizione delle modalità operative;

                                                             ii.      Promozione e marketing.

Contributo

Gli importi concessi a fondo perduto e/o a finanziamento di impatto sono variabili in relazione alla composizione del soggetto proponente e del reddito prodotto. Per il calcolo del reddito si considera il Reddito Imponibile per il periodo d’imposta 2019 (rigo RN4, LM8 o LM36 a seconda del regime applicabile).

 

 

 

 

Presentazione domande

Le domande di partecipazione possono essere presentate tramite la procedura online che sarà resa disponibile dalle ore 12.30 del 16 Novembre 2020 fino alle ore 12.00 del 31 Dicembre 2020. La rendicontazione delle spese del progetto andrà consegnata entro massimo 90 giorni dalla conclusione del Progetto e comunque non oltre il 31 Dicembre 2021.

 

Modalità di erogazione del contributo

Il contributo a fondo perduto viene erogato in due tranche:

-          ACCONTO: nella misura del 70% del contributo concesso a fondo perduto, entro 15 giorni dalla data di approvazione del progetto.

-          SALDO: 30% del contributo concesso a fondo perduto, a seguito della presentazione della rendicontazione delle spese sostenute, che dovranno essere pari ad almeno il 100% delle spese preventivate per il progetto. La quota a saldo verrà erogata entro 15 giorni dalla data di ricevimento della documentazione, a condizione che tutte le verifiche effettuate da Cesvi si siano concluse con esito positivo.

Qualora a seguito di verifica della rendicontazione presentata, la spesa consuntivata fosse inferiore rispetto a quanto già erogato in sede di anticipazione del contributo a fondo perduto, il beneficiario sarà tenuto alla restituzione di tutta la somma erogata e al rimborso del finanziamento di impatto.

 

 

Lo Studio è a disposizione per la predisposizione e trasmissione della pratica.